Canne fumarie in acciaio inox monoparete

La scelta del materiale costruttivo delle canne fumarie, come ad esempio le canne fumarie in acciaio inox o altri materiali, e degli elementi ad essa collegati è un aspetto molto importante da tenere presente al momento della progettazione del sistema di evacuazione dei fumi in quanto da essa dipendono alcuni fattori di calcolo per il dimensionamento nonché l’ottimale funzionamento dell’intero impianto.

L’efficienza della combustione, infatti, si raggiunge anche mediante l’adeguatezza del materiale costituente il camino alla tipologia dei fumi espulsi dal generatore, dal tiraggio che la canna fumaria è in grado di garantire e da altre caratteristiche tecnico-prestazionali proprie dei materiali utilizzati per il sistema camino oltre che, naturalmente, dalla corretta progettazione, installazione e manutenzione.

È infatti necessario che, a fronte della scelta del materiale di costruzione del condotto, vi sia un’attenta progettazione da parte di un professionista, il quale si assicuri di rispettare tutte le normative e misuri le varie parti del sistema secondo i Metodi di calcolo termico e fluido dinamico UNI 13384 (-1 per camini asserviti a un solo apparecchio e -2 per camini asserviti a più apparecchi) garantendo il corretto dimensionamento in relazione ai fattori ambientali e tecnici, tenendo conto delle caratteristiche del generatore, delle dispersioni termiche e di pressione ammissibili in esercizio; altrettanto importante è che l’installazione, e successivamente la manutenzione, vengano eseguite da personale specializzato, in conformità alle vigenti norme in materia e ne venga rilasciata conseguente certificazione.

Possono essere scelti diversi materiali per la costruzione delle canne fumarie: acciaio inox, metalli, plastica, laterizio, terracotta, ceramica, calcestruzzo; devono essere impiegati esclusivamente materiali certificati CE dal costruttore secondo quanto previsto dal DPR 246/03, di recepimento della CPD (Direttiva Prodotti da Costruzione 89/106/CEE), ovvero secondo la relativa norma armonizzata di prodotto. In generale, caratteristiche tecniche e costruttive richieste per una canna fumaria o per un singolo camino sono:

  • Tenuta dei fumi in ogni sua parte, comprese giunzioni e guarnizioni;
  • Adeguata resistenza alla temperatura dei fumi emessi dal generatore;
  • Tenuta alla pressione, atta a garantire il corretto valore di tiraggio;
  • Impermeabilità alla formazione di condensa;
  • Resistenza alla corrosione in base al combustibile;
  • Resistenza al fuoco di fuliggine;
  • Ridotta dispersione termica verso l’esterno;
  • Resistenza agli shock termici;
  • Resistenza alle tensioni e alle dilatazioni.

I camini metallici, oggi, rappresentano una soluzione adeguata per ogni tipo di installazione, sia per interventi sull’esistente sia per le nuove realizzazioni; la gamma di sezioni, raccordi, accessori  e di materiali offerta dai produttori è più che mai completa, di semplice installazione, in grado di rispondere in maniera specifica ad ogni esigenza; la bassissima rugosità dei condotti evita l’attrito dei fumi sulle pareti, il formarsi di eccessivi depositi di fuliggine e delle condense, garantendo quindi l’ottimizzazione della combustione, la riduzione dei consumi e delle emissioni inquinanti.

Per i camini metallici la norma UNI TS 11278/2008 stabilisce i criteri di selezione di canne fumarie, camini, condotti e canali da fumo in materiali metallici rigidi e condotti per intubamento flessibili in base all’apparecchio impiegato specificando:

  • temperatura massima di utilizzo, dipendente dal generatore, ad esempio: T200 indica 200°C come temperatura massima di impiego;
  • classe di pressione, dipendente dal tipo di apparecchio e relativa alimentazione, dalla tipologia (camino singolo, canna fumaria collettiva, intubamento) e dall’ubicazione (interna, esterna) di installazione:
    • N per pressione negativa
    • P per pressione positiva
    • H per pressione positiva elevata

con specificazione delle perdite ammesse (indicazione numerica: 1,2);

  • resistenza alla condensa (impermeabilità), dipendente dalla modalità di funzionamento dell’apparecchio:
    • D per funzionamento a secco
    • W per funzionamento a umido (ad esempio apparecchi di tipo C a condensazione o apparecchi di cottura);
  • classe di resistenza alla corrosione, dipendente dal combustibile impiegato:
    • V1 – combustibili gassosi con funzionamento sia a secco che a umido
    • V2 – combustibili gassosi, liquidi e legna per caminetti aperti con funzionamento sia a secco che a umido
    • V3 – combustibili gassosi, liquidi e solidi con funzionamento a secco
    • Vm – materiale non testato per la resistenza alla corrosione
  • materiale da utilizzare e relativo spessore (indicato in centesimi di millimetro) – requisiti minimi, ad esempio: L50040 dove L50 indica il materiale utilizzato (in questo caso acciaio inox AISI 316L) e 040 ne indica lo spessore (0,4 mm);
  • classe di resistenza al fuoco di fuliggine:
    • G – resistente al fuoco
    • O – non resistente al fuoco

con specificazione (espressa in millimetri) della distanza minima da mantenere da materiali infiammabili

l’identificazione prestazionale dei prodotti utilizzati per il sistema di evacuazione dei fumi in materiali metallici avviene pertanto attraverso la doppia designazione secondo la norma UNI EN 1856 che specifichi ulteriormente quanto già indicato secondo la norma UNI EN 1443, ad esempio:

   Riferimento normativo

   UNI EN 1443

   UNI EN 1856-1

   Designazione

   EN 1443  

 

A seconda del generatore e del tipo di installazione (interna o esterna all’edificio) si valutano la tipologia del materiale del condotto e la sua composizione. Nelle installazioni interne agli ambienti, per i canali da fumo di generatori a legna o pellet, si utilizzano condotti in acciaio, acciaio alluminato, alluminio, a parete singola e di spessore adeguato, verniciati e smaltati. Per le canne fumarie si utilizza l’acciaio inox AISI 316L, acciaio inossidabile austenitico di alta qualità contente cromo (18%), nichel (8%) e molibdeno (3%), che garantisce un’altissima resistenza alla corrosione dei fumi e delle condense da essi prodotti.

L’utilizzo di canne fumarie in acciaio inox monoparete è indicato per il risanamento-adeguamento di canne fumarie già esistenti, per l’intubamento e per la realizzazione di nuovi impianti evacuazione fumi che prevedano un rivestimento esterno, cioè in tutti quei casi in cui la canna fumaria non è esterna all’involucro edilizio; è necessario che in questo tipo di installazioni si tenga conto della necessità di isolare termicamente la canna fumaria e che sia garantito uno spazio sufficiente per le dilatazioni termiche cui è soggetta. Per le installazioni esterne agli edifici si utilizzano canne fumarie in acciaio inox a doppia parete nelle quali:

  • la parete interna, in acciaio inox AISI 316L, costituisce il condotto vero e proprio per il passaggio dei fumi;
  • la parete esterna costituisce il rivestimento protettivo del camino;
  • l’intercapedine, riempita di materiale coibente, garantisce l’adeguato isolamento termico.

La parete esterna può essere in acciaio inox (solitamente AISI 304), in rame o in acciaio zincato verniciato. Prestazionalmente queste soluzioni si equivalgono, le differenze si riscontrano negli aspetti estetico ed economico: le canne fumarie in acciaio a doppia parete inox-inox sono altamente impattanti sull’architettura dal punto di vista estetico e per tale ragione esistono dei limiti per il loro utilizzo, ad esempio negli interventi su edifici vincolati, nei centri storici o comunque in aree sulle quali siano prescritte determinate scelte progettuali e di finitura; l’accoppiata inox-rame sopperisce a questi limiti garantendo inoltre una maggiore durabilità, tuttavia il pregio del materiale incide sul prezzo che risulta decisamente più caro; la soluzione più versatile è quella in cui la parete esterna è di acciao elettrozincato verniciato: la zincatura dell’acciaio costituisce uno strato protettivo sul quale potrà essere applicata una verniciatura del colore che meglio si adatterà alla specifica esigenza architettonica; nel caso della verniciatura color rame, tale soluzione, più economica ed esteticamente simile, è senz’altro una valida alternativa alla doppia parete inox-rame.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Close